COME RIALZARSI DAL LETTO IN SEGUITO A UN INTERVENTO CHIRURGICO DI SOSTITUZIONE DELL’ANCA CON PROTESI ARTIFICIALE

Per alzarsi autonomamente dal letto in seguito a un intervento chirurgico di sostituzione dell’anca con protesi artificiale è necessario: 1) Porre l’arto sano sotto a quello operato; 2) Sfruttare la forza muscolare dell’arto sano per aiutare l’arto operato ascendere e sollevare il busto. Clicca qui per il video tutorial.

Dettagli

COME COMUNICARE CON IL MALATO DI ALZHEIMER: SGUARDI, GESTI, TONO DELLA VOCE, SOLLECITAZIONI TATTILI

È fondamentale far sentire al malato la propria presenza: “Io sono qui PER te e son qui CON te”. In che modo: 1. Catturare lo sguardo del malato; 2. Stabilire un contatto visivo ponendosi alla stessa altezza dell’assistito (es. se malato è seduto, avvicinare una sedia e accomodarsi in modo tale da restare all’interno del…

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE SENZA LITIGARE? LA CURA PERSONALE E L’ASSUNZIONE DEI FARMACI

Un valido approccio riabilitativo non farmacologico nella vita quotidiana con un paziente affetto da deterioramento cognitivo può effettuarsi applicando le strategie indicate: Predisporre e facilitare; Incoraggiare; Accompagnare, non sostituirsi; Programmare insieme la giornata; Distrarre, non opporsi; Supervisionare  durante l’assunzione dei farmaci. Clicca qui per il video informativo

Dettagli

COSA PROPORRE E COME ESERCITARE? L’ORIENTAMENTO SPAZIALE E L’AUTONOMIA

Per aiutare il malato di Alzheimer a orientarsi nello spazio (soprattuto domestico) è necessario semplificare l’ambiente mantenendolo il più possibile uguale. Una strategia che risulta estremamente efficace è quella di apporre etichette recanti il nome degli oggetti contenuti negli armadi, nei cassetti, etc … Si consiglia inoltre di proporre attività per favorire la socializzazione (invitare…

Dettagli

COSA FARE CON IL PAZIENTE AFFETTO DA ALZHEIMER? L’ORIENTAMENTO TEMPORALE E LE ATTIVITÀ DOMESTICHE

Con il malato di Alzheimer è bene stimolare gli interessi della persona individuando attività piacevoli. È importante spingere al ricordo e alla rievocazione di eventi utilizzando per esempio il calendario. Un’altra strategia è quella di guidare il malato all’utilizzo degli ausili o strumenti domestici di uso quotidiano. Clicca qui per il video informativo

Dettagli

LE FISSAZIONI E LE CAPACITÀ RESIDUE NEL MALATO DI ALZHEIMER

Il fatto di trovarsi in una situazione di inefficienza cognitiva (non ricordare cosa sia successo un’ora prima) provoca un’insicurezza che il cervello non è in grado di sostenere: le giustificazioni socialmente e individualmente accettabili che il malato di Alzheimer elabora non sono dirette al famigliare che chiede spiegazioni per uno strano comportamento, bensì sono rivolte…

Dettagli